Che ne sarà di me?

Dopo quasi 4 anni di vita in Brasile, la mia vita subirà una svolta decisiva. Solo a gennaio, è vero, ma so che qualcosa cambierà e non sarà più lo stesso. Avete in mente quando avete un punto di riferimento? Una persona che significa molto e che vi ha reso la vita più vivibile e sopportabile anche quando non lo era? Un’amicizia vera? Ecco, a poco a poco queste amicizie se ne stanno andando e in gennaio ci sarà l’addio definitivo. Ovvio, è da stupidi pensarci adesso. Infatti io mi godo questi ultimi mesi, ma è impossibile non pensarci.

La cosa positiva è che l’addio avverà nella follia del Carnevale, e chissà che così non possa sembrare solo uno scherzo di cattivo gusto…

:-(

A.

 

Un pensiero su “Che ne sarà di me?”

  1. ma se io vado via a fine febbraio… allora non ti riferisci a me??!!??

    4 anni e piú di amicizia al Central, in relax a Maria Farinha, a Maraka e in altre spiagge tropicali, a Giovanni Persona e Fiume di Gennaio, con pranzi nelle peggiori bettole della Boa Vista e cene nei migliori ristoranti brasiliani, con la sveglia del sabato puntata solo per te, al ritmo di samba e coco – ma anche di Vasco, a raccontarci la nostra vita italiana, con presentazioni ufficiali di genitori teneramente spaesati e di amicizie che sono diventate condivise, con un riassunto in una mappa del Brasile, cosí ben delineata, e addirittura l´emergenza dell´Esperança…

    “A nossa vida é um carnaval. A gente brinca escondendo a dor”: ci sará un pó di dor nella follia di questo Carnevale ma poi, lo so, lo sai, ci saranno altre esperienze insieme.

    Come dicono qui, “todo Carnaval tem seu fim”… ma poi ricomincia l´anno dopo!

Rispondi